Sei in: MOSTRE | ALCHEMICA | Annalù
INAUGURAZIONE

Sabato 26 Novembre 2022, h. 17:00-20:00

LOCATION

PUNTO SULL'ARTE
Viale Sant'Antonio 59/61
Varese, Italia

PERIODO

26 Novembre 2022 - 21 Gennaio 2023

ORARI

Martedì - Sabato:
9:30-17:00

CATALOGO

Sfoglia il catalogo

COMUNICATO STAMPA

Scarica il C.S.

VIDEO

Guarda

ALCHEMICA | Annalù

Dopo aver esposto nelle metropoli di tutto il mondo (da Miami a Singapore, da Hong Kong a Dubai, da Bruxelles a Montecarlo – solo per citarne alcune), ANNALÙ torna a Varese alla Galleria PUNTO SULL’ARTE per la sua nuova e attesissima mostra personaleVernissage SABATO 26 NOVEMBRE dalle ore 17 alle 20 presso la sede principale di Viale Sant’Antonio 59/61 a Varese. L’Artista sarà presente e alle ore 18 il curatore Angelo Crespi presenterà al pubblico l’essenza della mostra. 

Annalù è oggi una delle artiste italiane della sua generazione più conosciute a livello internazionale, soprattutto in considerazione di una ricerca che unisce la bellezza dei materiali con una tensione all’astrazione di grande forza estetica e concettuale e di assoluta contemporaneità.

Per la mostra “Alchemica” presenterà una selezione delle sue iconiche creazioni in vetroresina (opere della serie dei Dreamcatcher, Fukinagashi, Books), insieme a inedite opere in stampa 3D e in formato NFT.

Una mostra che vuole fare il punto su tutto il percorso artistico dell’Artista veneta e un rilancio alla scoperta di tutti i nuovi percorsi da lei intrapresi negli ultimi anni.

Le sue sono forme metamorfiche, architetture immaginarie, liriche ed evocative, realizzate con un processo quasi alchemico attraverso il quale si fondono vetro, resine sintetiche, carte e altri materiali, a formare un magma denso e nello stesso tempo trasparente, leggero e ugualmente resistente. 

Tra le sue opere più iconiche e potenti, i Dreamcatcher che sembrano frutto di un’esplosione, “un’esplosione che però non deflagra fino a disperdersi – scrive Angelo Crespi nel testo curatoriale – la forza centrifuga impressa trova infatti un bilanciamento nella forza centripeta, così lo sguardo è costretto a muoversi tra il fuori e, riprecipitando, il dentro, in un continuo sforzo tra concentrazione e dissipazione, un moto oculare esasperato dal vorticoso procedere degli elementi che si tengono in fragile equilibrio, farfalle e foglie, nel colore prima intenso, verso il centro, e poi ai bordi sempre più rarefatto”. 

Ma in tutta la produzione di Annalù, resistono insostenibili leggerezze, trasparenze, la materia che sembra respirare, la sublime ma concreta liquidità: caratteristiche che permettono all’artista di imprimere un carattere lirico e di sogno ai suoi lavori in mostra che siano gli alberi della serie dei bonsai “battuti dal vento” e “piangenti” (Fukingashi e Kengai), o che si tratti dei Liquid Flowers, o ancora dei Light Disc e dei Water Books.

L’elemento comune è quello della vetroresina, il materiale preferito di Annalù, in grado di rammemorare l’acqua, elemento biografico da cui l’artista trae costante ispirazione, fermandone però l’insita fuggevolezza, ed è qui che si gioca la partita tra tempo ed eternità, essere e divenire, caos e bellezza organica, natura ed artificiosità. Una sorta di antifrastico desiderio di tenere insieme gli opposti sembra essere il fine di un’operazione, solo in apparenza estetica, in realtà di grande intensità metafisica.

Dalla volontà di sperimentazione che ha sempre contraddistinto la sua carriera, derivano infine alcune opere che sono diventate NFT, ma che non sono semplici riproposizioni in video delle sculture, sono una loro dilatazione concettuale, essendo che la trasposizione digitale permette un’ulteriore narrazione onirica.

Un CATALOGO BILINGUE, con la riproduzione di tutte le opere esposte e il testo critico di Angelo Crespi sarà realizzato da PUNTO SULL’ARTE.

ARTISTI

Annalù